Insalata coi fiori: sana, fresca e colorata.

Filo arabo: la depilazione con il filo di cotone precisa al millimetro.
10 maggio 2018
La black mask al carbone per i punti neri: peeling e pelle curata.
10 maggio 2018

L’insalata di fiori può essere una valida alternativa alla classica insalata verde. È un contorno colorato, divertente e gustoso che regala alla tavola un tocco originale. Ma come si prepara?

I fiori nell’insalata: un freno culturale.

I fiori sono, a torto, poco utilizzati in cucina. Di solito siamo abituati a usare ortaggi di ogni tipo, o al massimo a utilizzare i fiori di zucca, ma di fatto nulla ci vieta di utilizzare i fiori esattamente come facciamo con l’insalata. Che cosa blocca questa accettazione culturale? In genere siamo abituati a considerare i fiori dei bellissimi ornamenti, quasi ci dispiace l’idea di mangiarli e, ulteriore freno, abbiamo paura di non conoscerli bene come le verdure e temiamo di avere qualche strana sorpresa nell’utilizzarli. Invece possono essere una valida alternativa.

Come scegliere i fiori per l’insalata

Bisogna fare attenzione e scegliere i fiori giusti, un po’ come si fa coi funghi. In ogni caso è bene raccoglierli lontani da fonti inquinanti come strade e fabbriche e scegliere campi aperti. I fiori possono anche essere quelli coltivati nel proprio giardino o nei vasi di casa.

In generale la begonia si presta bene perché ha un lieve sentore di limone e si sposa bene nelle macedonie o abbinata alla frutta.

La bocca di leone va bene con l’insalata mista, perfetta in estate.

La calendula è alla base di numerose soluzioni erboristiche, e va benissimo anche per cucinare. Ottima anche la fucsia, nelle varianti dal rosso al rosa.

Insalata di primule e viole

Se volete una ricetta al volo per provare, potete mischiare questi ingredienti: prendete le viole mammole e lavatele bene in acqua fresca. Potete mangiarne sia i fiori, sia le foglie, ma queste ultime, essendo abbastanza corpose, tendono a diventare un po’ gelatinose quando si masticano. Aggiungete le primule selvatiche. Scegliete anche di queste le foglie più tenere e piccole, che risulteranno più piacevoli al palato.

Attenzione: in alcune zone le primule sono specie protetta e non possono essere raccolte, quindi fate attenzione a dove decidete di prendere i fiori per i vostri piatti! Aggiungete qualche foglia di cicorini e radicchi selvatici, aggiungete olio e sale e gustate. Vi renderete conto di una grande varietà di profumi e sapori ai quali non siamo abituati.

Voi avete mai provato a cucinare coi fiori? Le insalate sono un buon modo per approcciare questo tipo di alimentazione. Tentar non nuoce, anzi, cuoce!