parallax background

Filo arabo: la depilazione con il filo di cotone precisa al millimetro.

Paddle tennis: il tennis in una variante molto più aerobica ed energica.
10 maggio 2018
Insalata coi fiori: sana, fresca e colorata.
10 maggio 2018

La depilazione col filo arabo o con il filo orientale che dir si voglia ha origini antichissime e ad oggi può essere considerato uno dei migliori metodi per estirpare la peluria nelle zone delicate del viso. Per essere eseguita necessita semplicemente di un filo di cotone e di un po’ di pratica.

Filo orientale senza controindicazioni

La tecnica del filo orientale permette un’assoluta precisione nella depilazione – il pelo viene estirpato alla radice, compreso il bulbo, e questo permette di indebolire il pelo nel tempo. Inoltre prevede solo la presenza di un filo di cotone. Non vengono aggiunte cere calde o fredde, il tipo di strappo è più che altro un fastidio perché il passaggio del filo sulla pelle crea una specie di massaggio preparatorio che stimola la microcircolazione nella zona andando ad affievolire il senso di dolore. Inoltre proprio per il fatto di essere fatta secondo questo metodo esclude la possibilità di generare follicolite.

Preciso al millimetro

Con il filo arabo è possibile una depilazione estremamente precisa della zona: la persona che esegue la depilazione è in grado di decidere con precisione quale pelo estirpare, andando a disegnare per esempio la forma delle sopracciglia con una precisione assoluta, cosa che invece risulta più complessa se fatta con la ceretta o con le pinzette. Nella zona sopra al labbro, poi, è possibile estirpare tutta la peluria che difficilmente è possibile togliere con le pinzette.

Idem per la zona della palpebra subito sotto il sopracciglio: lì la peluria minima che cresce rischia di rendere impreciso il contorno delle forme; con questo sistema invece è possibile avere una delineatura perfetta, senza ombre o sbavature.

Come funziona la depilazione con filo arabo?

È molto semplice: viene utilizzato un filo di cotone ritorno a spirale e annodato in modo tale che scorra – si crea una sorta di zona di “passaggio” tra i 4 lembi del filo. È una specie di “archetto” che viene fatto scorrere continuamente a leggero contatto della pelle. Quando viene identificata la zona o il bordo da trattare, basta un movimento veloce di uno dei lembi tenuti con le mani per estirpare il pelo che resta imprigionato nella morsa del filo teso. Si pratica su zone come viso, labbra, mento, sopracciglia. Ovviamente essendo un lavoro tanto preciso e millimetrico, si prediligono zone mirate da trattare. È adatto anche alla depilazione del resto del corpo, ma il rischio è quello di metterci troppo tempo!

Chi lo fa?

Esistono tutorial online per vedere il funzionamento, il consiglio ovviamente è comunque quello di affidarsi a mani esperte per avere un risultato assolutamente perfetto.

Avete mai provato la depilazione con questa tecnica? Come vi siete trovate?