parallax background

La black mask al carbone per i punti neri: peeling e pelle curata.

Insalata coi fiori: sana, fresca e colorata.
10 maggio 2018
Beauty routine: se è alla frutta e fai da te, è meglio.
10 maggio 2018

La black mask al carbone per i punti neri è una novità nella beauty routine di molte donne. Si tratta di una crema di colore nero, in genere estremamente densa, quasi collosa, che va spalmata in un film sottile.

Black mask carbone

Sono molti i marchi che la propongono: dai più costosi a quelli di levature più economica, la maschera al carbone è utilizzata per togliere i punti neri. Possiamo definirla un’evoluzione dei patch che si mettevano qualche anno fa sul naso e funzionavano sulla pelle umida. Una volta appoggiati e attivati, bastava attendere qualche minuto e quando la pelle “tirava” si poteva staccare il cerotto e magicamente i punti neri restavano attaccati lì.

La crema al carbone ha un procedimento simile, solo che aggiunge anche un effetto peeling.

Peeling per i punti neri.

Anche in questo caso l’attività della maschera ha come fine quello di estirpare i punti neri attraverso una forte azione di peeling.

Per poter agire al meglio la black mask ha bisogno di trovare la pelle pronta e preparata, quindi vi consiglio di lavare la faccia con acqua calda, o di tenervi un panno caldo appoggiato in modo da lasciar aprire i pori.

Una volta fatto spalmate un film sottile di crema, non deve essere troppo spesso, altrimenti ci metterà troppo ad asciugare e resterà troppo elastico, rischiando di compromettere la perfetta aderenza ai punti neri.

Spalmate con le dita o meglio, con un pennello, la crema con particolare attenzione alla zona T. Occhio alle guance: sono una zona delicata e il peeling potrebbe risultare addirittura fastidioso. Valutate a seconda di quanto siete sensibili.

Lasciate in posa circa 20/30 minuti, poi staccate la pellicola che si sarà formata con delicatezza cercando di farlo verso l’alto, in modo da aiutare la crema a sollevare il sebo dei punti neri al di fuori del poro. È un’attività che va fatta molto lentamente, in modo da non annullare l’effetto della crema.

Questa crema ha anche il pregio di togliere le cellule morte superficiali, attivando la normale rigenerazione cellulare.

Black mask: la ricetta per quella fai da te.

È possibile anche fare una black mask al carbone comodamente a casa.

Prendete 3 fogli di colla di pesce (si tratta di gelatina per dolci)

3 pastiglie di carbone vegetale- si trovano in erboristeria, in farmacia o anche al supermercato

2 cucchiai e mezzo di latte, va benissimo quello parzialmente scremato.

Scaldate il latte e mettetevi a sciogliere la colla di pesce. Nel mentre tritate con un mortaio o con frullatore il carbone fino a ottenere una polvere fine. Incorporate il carbone al latte e alla colla di pesce fino a ottenere un composto setoso e denso. Lasciate intiepidire e poi spalmatelo con un pennello sul viso. Lasciate in posa una mezz’ora e poi levatelo esattamente come spiegato sopra per le maschere acquistate.

L’effetto peeling e rimozione punti neri è assicurato. Poi per togliere i residui di crema non dovete far altro che sciacquare il viso con abbondante acqua calda.

Voi avete mai provato la black mask al carbone? Come vi trovate?