parallax background

Portascarpe fai da te: le idee giuste che arredano e mettono ordine.

Profumeria di nicchia: dove il profumo si fa personale.
14 marzo 2018
Pic nic: il grande classico di pasquetta, al meglio.
28 marzo 2018

I portascarpe fai da te sono delle simpatiche soluzioni per mettere ordine tra tacchi, stivale decolleté e ciabatte, ma sono anche delle ottime idee d’arredamento se avete voglia di creare dei pezzi unici che facciano pendant con la vostra casa e la vostra creatività.
Ecco alcuni suggerimenti per crearne alcuni davvero utili.

Per fare ordine ci vuole ritmo.
Per creare ordine è necessario creare ritmo visivo. Avete mai fatto caso che se mettere ad esempio delle scatole tutte uguali, rispetto al fatto di averne di diversi forme e formati, tutto appare più ritmato? Più ordinato e piacevole?
Quindi quello che dovete fare come primo step è creare il ritmo.
Scegliete su cosa concentrarvi, su che materiale e quale colore saranno i due punti saldi del vostro portascarpe, dopo di che attivatevi per realizzarlo.

Scatole: quelle trasparenti sono meglio.
Badiamo prima di tutto alla praticità: i portascarpe in genere non sono mai ordinati proprio perché le scarpe hanno colori e fogge diverse. Inoltre le scarpe rischiano di impolverarsi ovunque le teniamo.
Il modo migliore per mantenerle intatte e perfette è metterle dentro scatole di plastica trasparenti. Questo vi permetterà di salvaguardarle dall’umidità e dai cambi di temperatura, dalla polvere, ma soprattutto vi permetterà di sapere quale paio è contenuto dentro senza bisogno di aprirle ogni volta. E avere sott’occhio tutte le proprio scarpe è il modo migliore per ricordarsi di metterle tutte.

Scatole di cartone: tutte uguali.
Se preferite avere un bel colpo d’occhio davvero tutto identico, potete mettere le scarpe dentro scatole di cartone monotono tutte identiche. Unica finezza incollare fuori, sul lato, la foto delle scarpe contenute, in modo che sia semplice risalire a quale modello si tratta.
Si, tutto comodo: ma dove le mettiamo?

Porta scarpe con cassette di legno.
Quest’anno stanno andando di gran moda le cassette di legno in stile shabby chic.
Se le amate, potete impilarle o fissarle in orizzontale come scaffali in modo da metterci dentro le scatole ben ordinate o le scarpe.
Meglio valutare l’opzione scatole: le scarpe “nude” hanno sempre il problema visivo di creare disordine e comunque non sono impilabili, le scatole invece si.

Pallet portascarpe
Altra possibilità è usare i pallet industriali: vanno passati con carta vetrata, verniciati meglio se di colori chiari in genere e poi fissati al muro. Le scarpe si possono infilare nelle stecche orizzontali incastrandole con la parte frontale.
Se avete una buona manualità potete utilizzare un pallet come supporto al muro mettendolo in verticale e tagliarne un altro per ricavarne “mensole” da fissare al precedente in modo da ottenere una base di appoggio più stabile per le vostre calzature.

I tubi di plastica
Se amate girare per ferramenta, cercate un tubo di plastica grande.
Tagliatelo in frazioni minori della lunghezza di una calzatura e poi fissateli tutti al muro, appoggiandoli uno all’altra a formare una sorta di alveare.
Infilerete le calzature in ogni sezione di tubo, potendo vedere comodamente tutte le paia di scarpe a vostra disposizione.

Le mensole: la soluzione più comoda.
Se non avete l’armadio delle meraviglie alla Carrie Bradshaw potete sempre optare per delle comode mensole in stile Ikea. La sfida è semplicemente non far cadere le scarpe una volta riordinate: l’effetto domino rischia di rovinarvi tutto il lavoro!

Voi dove tenete le scarpe? Sono in ordine come desiderate?