parallax background

Pic nic: il grande classico di pasquetta, al meglio.

Portascarpe fai da te: le idee giuste che arredano e mettono ordine.
21 marzo 2018
Extention: i capelli più folti e più belli, che metti e togli quando vuoi.
4 aprile 2018

Il pic nic è un grande classico di Pasquetta: non c’è famiglia o comitiva che non pianifichi un pranzo al sacco per il lunedì dell’Angelo.
Ma come fare per organizzarlo al meglio?
Ecco alcuni spunti utili per non sbagliare menù ma soprattutto per non sbagliare chi porta cosa.

La cesta.
Il grande classico del pic nic è la cesta con le stoviglie. Vero, eh, che la plastica è comoda, ma vuoi mettere col piacere di mangiare in piatti veri e usare posate che possano definirsi tali?
Immancabile la tovaglia, rigorosamente a quadretti bianchi e rossi se volete essere in sintonia con il mood perfetto, altrimenti va bene una qualsiasi che avete a portata di mano.
La cesta serve solo per le stoviglie. In commercio ce ne sono di carinissime anche a costi estremamente contenuti. Vale la pena averne una per la gioia anche dei bambini.

La borsa frigo
In genere la borsa frigo è utile soprattutto per portare bevande e cibo.
Il pic nic dovrebbe prevedere piatti freddi o comunque consumati a temperatura ambiente, che si possono consumare anche con le mani, non necessariamente con le posate Diciamo che la posata fa molto pranzo, e non il classico pranzo al sacco coi panini avvolti nella stagnola.
La borsa frigo non è fondamentale se portate un buon rosso da consumare a temperatura ambiente e gli avanzi del pranzo della domenica.

Il menù
Facile e veloce. Gli avanzi sono il top da consumare al pic nic dell’Angelo. Ovvio, meglio evitare le megaporzioni di brasato che non sono comodissime da consumare.
Meglio le torte salate, le fette di colomba, gli stuzzichini da infilzare con gli stuzzicadenti, cibo che comunque non cola e non unge. Questo è fondamentale, anche perché sarete seduti e non è il massimo rischiare di farsi colare addosso il sugo.

Il necessaire
Stuoia di bambù o di altro materiale magari plastico, su cui poi mettere la tovaglia onde evitare che l’umidità de terreno possa penetrare e intaccarla.
Cuscini e coperte in abbondanza per sedersi comodi.
Se non avete stuoiette di bambù, potete optare per delle non elegantissime ma efficacissime scatole di cartone da utilizzare come base su cui mettere poi qualcosa di morbido. Il fine è sempre non sentire umido sotto il sedere quando ci si accomoda.

Giochi di carte o intrattenimento.
Volete non avere un pallone per una partitella in scioltezza?
Un mazzo di carte per una mano veloce di scala quaranta?
Oppure qualche gioco come Uno o qualche gioco da tavolo in versione da viaggio, perfetto per quattro risate tra amici? Sono la soluzione perfetta per un pomeriggio davvero da ricordare.

Portatevi anche dei sacchetti per la spazzatura in cui suddividere l’immondizia. Evitate di lasciarli nei cestini in strada e riportateli a casa, buttandoli nella vostra solita spazzatura: meglio non congestionare il ritiro immondizia della zona dove vi trovate lasciando cestini stracolmi di roba.

Voi amate fare il pic nic? Come lo organizzate di solito?