parallax background

Mani screpolate dal freddo: i rimedi

I tre luoghi più freddi e più belli da visitare nel nord del globo.
1 febbraio 2018
Eva Henger
13 febbraio 2018

Le mani screpolate dal freddo sono una delle situazioni più fastidiose determinate dall’inverno: la pelle perde di elasticità e di tono, il freddo “asciuga” l’epidermide che tende a disidratarsi e a spaccarsi, creando dei piccoli tagli che, proprio perché superficiali, sono molto fastidiosi. In genere si creano in zone difficili da curare perché si formano nelle pieghe della pelle che maggiormente vengono sollecitate quando facciamo qualcosa di manuale. Aggiungiamo anche il fatto che spesso tra bucato da fare, piatti da lavare e lavori di ogni tipi a cui far fronte, cerotti e altri rimedi tendono a essere poco utili.

Oli e burri per l’idratazione
Per ritrovare l’idratazione delle estremità si possono adottare alcuni stratagemmi fai da te.
Il migliore in assoluto risulta essere in generale l’olio di karité, una base estremamente grassa e idratante che, spalmata più volte al giorno, aiuta a recuperare la naturale elasticità della pelle. Risulta essere un burro piuttosto “prezioso”, e se non volete sprecarlo per un uso così assiduo potete utilizzare ingredienti più poveri.
Un altro rimedio abbastanza facile da tenere in casa è l’olio di mandorle dolci che ha una grande efficacia soprattutto se le mani sono umide. Utilizzatelo quindi ogni volta che le lavate in modo da aiutare la ristrutturazione della pelle.
Se avete piccole fessurizzazioni della cute è perfetto anche il gel di aloe vera: grazie alle sue proprietà emollienti e cicatrizzanti è un valido alleato per la cura della pelle secca.

Screpolature: rimedi della nonna
Se avete una necessità immediata di risolvere il problema e non avete nessun olio di quelli citati in casa, allora potete usare uno di queste soluzioni:
avocado – se amate l’avocado toast e avete uno di questi frutti a portata di mano, prendete la polpa matura, schiacciatela con una forchetta e spalmatela sulla pelle lasciandola in posa una decina di minuti. Vedrete che avrà degli effetti positivi.
Se invece siete per il classico, utilizzate una bustina di camomilla o i fiori secchi di camomilla: preparate l’infuso, filtratelo, lasciate intiepidire un po’ in una bacinella piccola e poi mettete a bagno le mani per circa 10 minuti.
È un trattamento che, se fatto ciclicamente, cura e previene il rischio screpolature.
Un altro modo è mischiare in egual misura miele e olio d’oliva, una volta amalgamati, lasciate l’impacco in posa una quindicina di minuti.
I modi per curare le mani sono molti: a voi scegliere ingredienti e texture che preferite.

Gli utilissimi guanti dell’ortofrutta
I guanti dell’ortofrutta sono alleati preziosi per guarire le screpolature alle mani.
Tutti i grassi e gli olii che possono essere lasciati in posa danno il meglio di loro durante la notte.
Per evitare di sporcare lenzuola e cuscini, mettete abbondanti quantità di impacchi sulle mani e poi infilate i guanti dell’ortofrutta che ottimizzeranno la posa dell’unguento senza sporcare in giro.
Ovviamente se vi stanno larghi potete fissarli con una punta di scotch ai polsi, in modo che non si filino durante il sonno. Al mattino avrete le mani morbide e rigenerate.

Avete problemi di pelle screpolata delle mani? Utilizzate già un sistema naturale che volete condividere con noi?