parallax background

Alghe in Cucina: utilizzi e tipologie

Miami: un viaggio per sognare la Florida
Miami: un viaggio per sognare la Florida
29 marzo 2017
Curvy: Storie di vita e di successo
Curvy: Storie di vita e di successo
3 aprile 2017

Sapevi che si possono usare le alghe in cucina? Quante varietà conosci? Sai che hanno molte proprietà nutritive?

Può sembrare strano l’utilizzo delle alghe in cucina, soprattutto per chi è legato alla tradizione enogastronomica mediterranea a cui siamo abituati.  Eppure nelle cucine più esotiche ed etniche come quella giapponese, cinese, thailandese è molto diffuso il loro utilizzo soprattutto per le proprietà benefiche.

Anche se può risultare una cultura molto lontana da noi, l’uso delle alghe in cucina si è lentamente andato ad espandere anche nelle cucine dei nostri chef più famosi. Le alghe inoltre sono l’alimento più utilizzato nell’alimentazione vegana grazie alle ricchissime proprietà nutritive contenute al loro interno. Tra queste sostanze possiamo individuare la vitamina B12 (che si trova in tutti i derivati vegetali), sali minerali come lo iodio, il calcio, il fosforo, il ferro, il magnesio e anche il potassio, importanti per la buona funzionalità dei muscoli.

Tuttavia esistono moltissime varietà di alghe commestibili in commercio, che si differenziano per provenienza, utilizzo e qualità. Eccone alcuni esempi:

AGAR AGAR:

È forse tra le tipologie di alghe più conosciute. Venduta generalmente in polvere, l’agar agar è ottenuto dalla lavorazione delle alghe rosse. È usata come addensante e gelificante, principalmente nella cucina vegana e vegetariana.

NORI:

L’utilizzo di questa varietà di alga è molto diffuso in cucina in quanto è alla base della preparazione dei Maki e dei Nigiri. La sua consumazione ha un’azione antiulcera e antibatterica.

DULSE:

È un’alga rossa che si trova tipicamente in Irlanda, Scozia, Scandinavia, Canada e Giappone. È ricca di ferro e proteine, e si può consumare in moltissimi modi da cruda fino a bollita insieme alla verza.

SPIRULINA:

Prodotta e largamente utilizzata anche in Italia, la spirulina è originaria del Messico. Si narra che il suo utilizzo risalga già ai tempi degli antichi Atzechi. È tra le alghe (e anche vegetali in genere) con la maggiore quantità di proteine. È spesso usata al posto del sale marino.

WAKAME:

Nella cucina nipponica è sicuramente quella più utilizzata. Tra le sue proprietà oltre ad essere ricca di sostanze nutritive, stimola il sistema immunitario e riequilibra il funzionamento della tiroide. La sua forma, simile ad uno spago, la rende ideale per essere consumata cruda insieme ai sottaceti oppure nelle minestre calde come la zuppa di miso o tofu.

Ci sono delle alghe che già utilizzate frequentemente? 

Summary
Alghe in Cucina: utilizzi e tipologie
Article Name
Alghe in Cucina: utilizzi e tipologie
Author
Publisher Name
Onda d'Urso
Publisher Logo